Librerie

Giancarlo Palese, storia del libraio che ha voluto investire in una piccola casa editrice

Giancarlo Palese, storia del libraio che ha voluto investire in una piccola casa editrice

Qualche settimana fa vi abbiamo raccontato la storia della casa editrice “Coazinzola”, oggi vi proponiamo l’intervista al direttore della libreria che ha creduto nel progetto…

MILANO – Qualche settimana fa vi abbiamo raccontato la storia della casa editrice “Coazinzola”, fondata da Riccardo Duranti e specializzata nella pubblicazione di libri della letteratura anglosassone poco noti in Italia.  A credere nel progetto editoriale del traduttore, poeta e narratore Duranti è stato Giancarlo Palese, direttore de laFeltrinelli di Via Appia Nuova, a Roma.

IL PRIMO CONTATTO – “Sono entrato in contatto con la produzione di Coazinzola grazie a un mio amico traduttore – racconta Palese – Mi aveva consigliato il romanzo “Dietro l’Arazzo” di Lenny McGee, autore irlandese. Il libro di McGee è un romanzo storico che narra la vita e le passioni di Thomas Shelton, primo traduttore nel Seicento Don Chisciotte di Cervantes. Ho letto il romanzo e ne sono rimasto colpito. La curiosità mi ha spinto a cercarne l’editore.  Non avevo mai sentito parlare di quella sigla editoriale. Così ho deciso di andare alla ricerca di chi fosse dietro. E sono arrivato a Riccardo Duranti”.

PROPOSTA CULTURALE IN LIBRERIA – Da li nasce la presa in considerazione delle altre opere della casa edtrice fondata da Riccardo Duranti. “Esaminando il suo catalogo, non vasto ma di estrema qualità, mi sono imbattuto nell’unica raccolta omogenea di poesie di John Berger, Lenny McGee e una serie di autori di poesia e prosa contemporanei, tra cui Stella Sacchini che ha tradotto per Feltrinelli Il meraviglioso mago di Oz, di L. Frank Baum, Le avventure di Tom Sawyer di M. Twain e Carmilla di Sheridan Le Fanu”, prosegue Palese. Da li lo scambio mail con Riccardo Duranti e la verifica della disponibilità da parte dell’editore di far entrare i suoi titoli all’interno della proposta culturale della libreria. “I tasselli sono andati al loro posto e siamo partiti. Da quel momento, i libri di Coazinzola sono esposti nella nostra Libreria. Sono diventati parte della selezione che quotidianamente presentiamo ai nostri lettori, per offrire punti di vista, suggestioni e percorsi di lettura”.

IL CARTELLO – A segnalare i libri di Coazinzola è un cartello con alcuni versi di John Berger: «Scriviamo accucciati ai piedi della morte / Leggiamo al lume della vita e ne compiliamo i libri mastri di pietra / Dove lei finisce, colleghi miei, cominciamo noi, a lati della salma / E quando la nominiamo è perché ormai si sa che la storia è quasi finita»”, conclude Palese.

 

Giancarlo Palese, storia del libraio che ha voluto investire in una piccola casa editrice ultima modifica: 2017-03-23T11:32:45+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags