Critici

Da Charlie Hebdo a Rouen, l’opinione di Michele Serra sul terrorismo

L'Amaca di Michele Serra

Il giornalista Michele Serra commenta i tragici fatti di Rouen parlandoci di padre padre Jacques e di Wolinski, il disegnatore di Charlie Hebdo…

MILANO – Nell’ultimo anno gli attentati firmati Isis hanno sconvolto l’Europa e il mondo intero. Il giornalista Michele Serra, nella sua rubrica l’Amaca” su La Stampa,  elogia il nostro bene più prezioso: la libertà. Lo fa parlando del parroco Jacques, sgozzato ieri in una chiesa in Normandia, e di Georges Wolinski, lo storico disegnatore di Charlie Hebdo.

.

DUE UOMINI SIMBOLO DELLA FRANCIA –  Michele Serra ci parla di due uomini che hanno perso la vita per mano dei militanti dell’Isis. “Il povero vecchio parroco sgozzato in Francia da un islamista neanche ventenne mi ha fatto ripensare a Georges Wolinski il vecchio (e grande) disegnatore ammazzato tra le matite e i fogli di Charlie Hebdo da analoghi macellai. La Francia cattolica, provinciale e timorata, e la Francia libertina, parigina e sfrontata, le preghiere e le novene di Padre Jacques e le donnine nude e gaudenti di Wolinski, niente di più diverso e niente di più francese. Due uomini […] rappresentativi , ognuno a modo suo, di una comunità nazionale odiata come poche altre dal jihadismo”

.

LA LIBERTA’, UN VALORE FONDAMENTALE – Il giornalista parla poi di una valore fondamentale come la libertà. “Che Padre Jacques e Wolinski abbiano potuto vivere e lavorare nello stesso Paese, usare in pubblico un linguaggio così differenti, credere in cose apparentemente così inconciliabili, è una formidabile prova di quello che intendiamo quando proviamo a parlare, in modo confuso oppure ancora fremente, di libertà.”  

.

LA SITUAZIONE – Da una parte Michele Serra descrive la società francese come una comunità che ha tanti volti e tante parole e dall’altra sottolinea come numerose persone, che vivono in Francia, vogliano ridurre ogni cosa alla schiavitù. “Il fantasma della libertà deve fare una paura veramente atroce a questi traditori, che azzannano al cuore il loro Paese solo perché è molto più libero di loro.”

.

Da Charlie Hebdo a Rouen, l’opinione di Michele Serra sul terrorismo ultima modifica: 2016-07-27T11:03:47+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags