Biografie

Accadde oggi – 7 giugno. Ricorre l’anniversario della scomparsa di Henry Miller

Henry Miller

Il mondo delle lettere ricorda l’anniversario della scomparsa di Henry Miller, scrittore, pittore, saggista e reporter di viaggio statunitense …

MILANO – Il mondo delle lettere celebra oggi la scomparsa di numerosi personaggi illustri della cultura del nostro tempo: Henry Miller, scrittore, pittore, saggista e reporter di viaggio statunitense; Dorothy Parker, scrittrice, poetessa e giornalista americana; Friedrich Hölderlin, grandissimo poeta tedesco.

GLI ESORDI – Con alle spalle due matrimoni, una figlia e vari lavori, Henry Miller a partire dal 1919, inizia a scrivere su riviste letterarie, prima di cominciare a stendere il suo primo romanzo (le bozze del quale non furono mai pubblicate). Nel mentre, per sopravvivere si inventa gli espedienti i più diversi, fra i quali è rimasto famoso il suo proporsi come scrittore ‘porta a porta’, ovvero cercando di vendere i suoi pezzi esattamente come un piazzista, oppure pubblicizzando il suo lavoro al Greenwich Village. Per un po’ tira avanti in questo modo incerto fino a che non sbarca in Europa (nel 1928) nella speranza di veder finalmente pubblicate le sue fatiche da una casa editrice seria. Torna comunque poco dopo a New York, scrive un altro romanzo (mai pubblicato anch’esso) e, fallito anche il secondo matrimonio, parte per Parigi nel 1930 dove troverà effettivamente notorietà per i decenni successivi.

.

TROPICO DEL CANCRO – Nel 1934 Miller pubblica l’ormai celeberrimo ‘Tropico del Cancro‘, un’autobiografia torrida e sensuale, con numerosi riferimenti assai espliciti, tanto da essere bandito in numerosi paesi di lingua inglese (e, a questo proposito, basti pensare che la prima edizione americana non uscì prima del 1961). Romanzo travolgente e dalle tinte forti, è capace di coinvolgere da subito il lettore, uno dei motivi fondamentali del suo duraturo successo. Famoso è rimasto l’incipit, uno dei più folgoranti della letteratura: ‘Sono senza denaro, senza risorse, senza speranze. Sono l’uomo più felice del mondo. Un anno fa, sei mesi fa, pensavo di essere un artista. Ora non lo penso più, lo sono. Tutto ciò che era letteratura mi è caduto di dosso… Questo non è un libro… lo canterò per voi, un po’ stonato forse, ma canterò. Canterò mentre voi gracchiate’.

LE ALTRE OPERE – Il romanzo successivo è ‘Primavera Nera’, del 1936, seguito nel 1939 da ‘Tropico del Capricorno‘. All’avvento della Seconda Guerra Mondiale, parte per la Grecia con lo scopo di andare a trovare un giovane ammiratore, lo scrittore Lawrence Durrell, esperienza dalla quale nacque un altro celebre romanzo ‘Il colosso di Maroussi’ (1941), un’originale ‘guida alla Grecia’, in cui la genuina esperienza ellenica è sentita come recupero del divino nell’uomo. Tornato nuovamente negli Usa, inizia a girare il paese in lungo e in largo, descrivendo le sue esperienze in ‘Un incubo ad aria condizionata’ (1945), prima di stabilirsi definitivamente a Big Sur, in California. I suoi libri ormai vendevano senza problemi e Miller poteva godersi un’esistenza serena (si fa per dire, vista la vitalità e l’irrequietezza dello scrittore). Infatti, Miller continua a scrivere ferocemente ancora per lungo tempo. Il suo ‘Sexus’ (1949) è solo la prima parte di una trilogia sulla sua vita, e il successivo ‘Nexus’ vide le stampe, ormai già nel 1960. Una brutta vecchiaia, segnata da un impietoso e vorace decadimento del corpo (ironia della sorte: il centro della letteratura milleriana), attende lo scrittore a Pacific Palisades, dove muore il 7 giugno 1980.

.

 

Accadde oggi – 7 giugno. Ricorre l’anniversario della scomparsa di Henry Miller ultima modifica: 2017-06-07T08:50:00+00:00 da francesca

© Riproduzione Riservata
Tags