Biografie

Accadde oggi – 16 novembre. Ricorre oggi l’anniversario di nascita di Josè Saramago

Accadde oggi - 16 novembre. Ricorre oggi l'anniversario di nascita di Josè Saramago

Il mondo della lettere celebra l’anniversario di nascita dello scrittore Josè Saramago, premio Nobel per la letteratura nel 1998…

 
MILANO – Ricorre oggi l’anniversario di nascita di Josè Saramago, premio Nobel per la letteratura nel 1998.
.
JOSE’ SARAMAGO – José de Sousa Saramago nacque ad Azinhaga, in Portogallo, il 16 novembre 1922. Trasferitosi a Lisbona con la famiglia, dovette abbandonare gli studi universitari a causa di difficoltà economiche. Lavorò come fabbro, disegnatore, correttore di bozze, traduttore e giornalista, fino ad impiegarsi stabilmente in campo editoriale, lavorando per dodici anni come direttore letterario e di produzione. Nel 1944 Saramago sposò Ida Reis, da cui ebbe una figlia, Violante. Con il suo primo romanzo, ‘Terra del peccato’ (risalente al 1947), non ricevette un grande successo nel Portogallo di Salazar, dittatore che Saramago non smise mai  di combattere, e che gli costò la censura sistematica dei suoi scritti giornalistici. Si iscrisse segretamente al Partito Comunista portoghese, che operava sempre nella clandestinità, riuscendo a sfuggire alle insidie della polizia politica del regime. Negli anni Sessanta divenne uno dei critici più seguiti del Paese, attraverso la nuova edizione della rivista ‘Seara Nova’, e della sua prima raccolta di poesie, ‘I poemi possibili’. Divenne poi, come dicevamo, direttore letterario e di produzione per dodici anni di una casa editrice e, dal 1972 al 1973, curatore del supplemento culturale ed editoriale del quotidiano ‘Diario de Lisboa’.
 .
LETTERATURA ED IMPEGNO POLITICO – Per comprendere appieno la vita e le opere di questo scrittore non si può prescindere dall’impegno politico e sociale che caratterizzò ogni sua attività. Sino allo scoppio della Rivoluzione dei Garofani, avvenuta nel 1974, Saramago visse un periodo di formazione, pubblicando poesie, cronache, testi teatrali, novelle e romanzi. L’opera di Saramago deve essere intesa come fortemente finalizzata a trattare aspetti sociali. Lo dimostra il suo obiettivo nel liberare la letteratura portoghese dalle precedenti influenze. Saramago diede così avvio ad una vera e propria generazione post-rivoluzionaria. Nel 1977 lo scrittore pubblicò il lungo e importante romanzo ‘Manuale di pittura e calligrafia’, seguito da ‘Una terra chiamata Alentejo’, incentrato sulla rivolta della popolazione della regione più ad Est del Portogallo. Ma fu solo quando licenziò ‘Memoriale del convento’ che Saramago ottenne il successo tanto atteso. In soli sei anni pubblicò tre opere di grande impatto,  ottenendo in questo modo numerosi riconoscimenti. Gli anni Novanta lo consacrano sulla scena internazionale con ‘L’assedio di Lisbona’, ‘Il Vangelo secondo Gesù’ e poi con ‘Cecità’. Ma il Saramago autodidatta e comunista, spesso costretto al silenzio da un regime dittatoriale impenetrabile non si è tuttavia mai fatto avvincere dalle lusinghe della notorietà, conservando una schiettezza che spesso venne letta ed interpretata come distacco. Saramago non ebbe invece grande successo sul piano della saggista e dell’editoria. Nel 1998, tra un vespaio di polemiche sollevate soprattutto dal Vaticano, gli è stato conferito il Nobel per la letteratura. Saramago è morto nel 2010 nella sua residenza nelle Isole Canarie. Nel 2011 è stato pubblicato postumo “Lucernario”, romanzo scritto nel 1953.
Accadde oggi – 16 novembre. Ricorre oggi l’anniversario di nascita di Josè Saramago ultima modifica: 2017-11-16T09:00:50+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags