Biografie

Accadde oggi – 12 aprile. Ricorrono gli anniversari di Pietro Metastasio e Tom Clancy

10042015155600_sm_11630

Ricorre oggi l’anniversario di nascita dello scrittore statunitense Tom Clancy e l’anniversario della morte del poeta e drammaturgo italiano Pietro Metastasio…

MILANO – Ricorrono oggi l’anniversario di nascita dello scrittore statunitense Tom Clancy (ricordato per aver inventato, assieme a Craig Thomas e a Michael Crichton, un nuovo genere letterario, il techno-thriller) e l’anniversario della morte del poeta e drammaturgo italiano Pietro Metastasio.

.

TOM CLANCY – Nato a Baltimora il 12 aprile 1947, Tom Clancy fin dall’infanzia si è affezionato al mondo militare, tendando pure la carriera, preclusa a causa della sua forte miopia. Ha quindi servito nel ROTC della Johns Hopkins University di Baltimora. Dopo l’esperienza da assicuratore, a 29 anni ascoltò la notizia di una fregata sovietica che in Svezia aveva tentato la diserzione, fatto che ha ispirato il suo primo libro: La grande fuga dell’Ottobre Rosso, pubblicato nel 1984, da cui successivamente è stato tratto il film Caccia a Ottobre Rosso diretto da John McTiernan, dando inizio ad una lunga serie di film tratti dai suoi romanzi, tutti caratterizzati dalla peculiare abilità di Clancy nel descrivere avvenimenti di fanta-politica con molti e precisi dettagli tecnici.

DAI LIBRI AI VIDEOGAMES – Tom Clancy è stato famoso per aver immaginato nei suoi libri alcuni fatti terroristici poi accaduti realmente, come nel caso del libro del 1994 “Debiti d’onore”, la cui trama ricorda l’attentato dell’11 settembre. autore di best-seller di fama mondiale, si è distinto nel mondo dei videogiochi per le sue sceneggiature, che hanno dato vita a saghe come Rainbow Six, Splinter Cell e Ghost Recon.

.

.

PIETRO METASTASIO – Pietro Antonio Domenico Bonaventura Trapassi, dal 1715 noto come Pietro Metastasio, traduzione greca del suo cognome, nasce a Roma il 3 gennaio del 1698. Sacerdote, poeta, librettista, drammaturgo, secondo i canoni della musica colta è considerato il grande riformatore del cosiddetto melodramma italiano.

.

FORMAZIONE – Figlio di Felice Trapassi, soldato dell’esercito pontificio e poi salumiere. A 12 anni, nella bottega di un orefice, dove era stato messo per imparare l’arte, fu udito improvvisare da G. V. Gravina, che lo prese in casa sua, lo adottò come figlio, gli grecizzò il nome in Metastasio. Gravina gli fece abbandonare l’abitudine dell’improvvisazione, gli diede una solida istruzione classica.

.

LE OPERE – I suoi melodrammi più famosi, oltre alla ‘Didone’, sono il ‘Siroe’, il ‘Catone in Utica’, l’ ‘Artaserse’, l’ ‘Olimpiade’, che fu particolarmente cara ai contemporanei e ai posteri e fu musicata da oltre 30 maestri, la ‘Clemenza di Tito’, l’ ‘Attilio Regolo’, che è il più solenne dei suoi melodrammi eroici, sebbene lo stesso protagonista non sfugga al carattere manierato che hanno tutti gli eroi dei drammi metastasiani. Solo negli ultimi anni della sua vita o postumi furono pubblicati i suoi scritti di critica letteraria (versione e commento della Poetica di Orazio; Estratto dell’Arte poetica d’Aristotile e considerazioni su la medesima; Osservazioni sul teatro greco), nei quali tratta con indipendenza di giudizio parecchie questioni che saranno pienamente risolte più tardi, quali la classificazione dei generi letterarî e le cosiddette unità aristoteliche di tempo e di luogo, nella critica delle quali precorse Alessandro Manzoni.

 .

 

Accadde oggi – 12 aprile. Ricorrono gli anniversari di Pietro Metastasio e Tom Clancy ultima modifica: 2017-04-12T09:10:06+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags