In evidenza

10 scioccanti curiosità legate ad importanti autori (parte 2)

10 scioccanti curiosità legate ad importanti autori (parte 2)

Da Stephen King a Arthur Conan Doyle, scopriamo insieme le ultime 5 delle 10 curiosità scioccanti legate ad importanti autori che non tutti conoscono o immaginano…

MILANO – Gli autori famosi sono una fonte costante di fascino e intrighi. Aprono le loro menti al pubblico creando personaggi e mondi che facciamo entrare nei nostri cuori, che ci fa sembrare come se li conoscessimo da sempre. All ostesso tempo, gli autori stessi rimangono in realtà delle figure distanti e chiuse. Quando cerchiamo di indagare per scoprire come alcuni autori sono nella realtà, scopriamo la verità sconvolgente della produzione letteraria: è spesso la mente più creativa a partorire i pensieri più selvaggi, che li porta a fare e credere alle cose più incredbili e fantasiose. Dopo la prima parte, scopriamo insieme le ultime 5 delle 10 curiosità scioccanti legate ad importanti autori.

Vernon Sullivan era un uomo francese bianco

Ernon Sullivan è famoso per aver scritto uno dei “più rapidi” libri censurati nella storia: il romanzo ”I Spit on Your Graves”, pubblicato nel 1946 e che ha fatto grande scalpore per come trattava tematiche legate al sesso  adolescenziale, stupro, violenza e demonizzazione de gli afroamericani e della cultura popolare degli Stati Uniti. In una prefazione del testo si afferma che il romanzo è stato scritto da Vernon Sullivan, un afroamericano che aveva paura dei pregiudizi razziali in America. In realtà, Vernon Sullivan era lo pseudonimo di Boris Vian, un uomo francese bianco che non era mai stato in America nella sua vita. Vian scrisse il romanzo in risposta ad una scommessa:  riuscire a scrivere un best seller scandaloso in meno di 15 giorni. Ci riuscì, ma alcune inesattezze nel romanzo facilmente fanno emergere come questo libro non potesse essere stato scritto da un americano.

Enid Blyton odiava i bambini

Enid Blyton è stata un’autrice di successo di libri per bambini nel XX secolo. Ha pubblicato circa 7.500 libri durante la sua vita, molti dei quali rimangono dei classici ancora oggi. Mentre la sua scrittura si è concentrata principalmente tra gli anni Trenta e Novanta in Inghilterra, molti elementi del suo lavoro che sarebbero ora considerati razzisti e sessisti sono generalmente perdonati o trascurati come prodotti del suo tempo. Ciò che in molti non sanno è che nella vita reale in realtà l’autrice non è stata molto tenera con i più piccoli: i vicini che abitavano nei pressi del cottage di Beaconsfield di Blyton hanno riferito che l’autrice avrebbe sgridato più volte i bambini della zona perché facevano troppo rumore mentre giocavano, e che dopo il divorzio Blyton non ha permesso ai suoi figli di vedere il padre. Nella sua autobiografia, la figlia minore, Imogen, ha chiamato sua madre “arrogante, insicura e senza traccia di istinto materno”. Imogen ha anche scritto: “L’approccio di Enid Blyton alla vita era infantile e dispettosa, proprio come un adolescente”. Imogen ha raccontato come lei e sua sorella erano costrette a rimanere in una stanza in casa con la porta socchiusa in modo che potessero guardare la madre tenere una festa per il tè per alcuni dei suoi piccoli fan, festa a cui le figlie non erano autorizzate a partecipare.

Lewis Carroll potrebbe aver provato a sposare la vera Alice

Lewis Carroll, il cui vero nome era Charles Lutwidge Dodgson, era un prolifico poeta e scrittore storico. Egli è conosciuto per l’aver dato vita alle avventure di Alice nel paese delle meraviglie (1865) e ad Alice attraverso lo specchio (1871). Considerato un classico della letteratura vittoriana e per ragazzi, il lavoro di Carroll è difficilmente divisibile dalla sua persona privata, che alcuni hanno denunciato per aver avuto attenzioni inappropriate nei confronti dei bambini. Sebbene non sia mai stato segnalato alcun abuso fisico, Carroll è stato interrogato dagli amici circa un gran numero di fotografie di ragazze nude all’interno della sua collezione privata. Preferiva la compagnia e l’amicizia dei piccoli a quella degli adulti, rimanendo così scapolo a vita. Carroll strinse un’amicizia forte e creativamente produttiva con la famiglia Liddell nel 1855 quando Dean Henry Liddell prese il posto di Christ Church a Oxford dopo la morte del precedente decano. La figlia più piccola, Alice, allora aveva tre anni r divenne l’ispirazione per i libri di Alice così come la musa di Carroll e l’amore della sua vita. Alcuni credono che Carroll si sia proposto ad Alice nel 1863 quando aveva 11 anni. La proposta fu rifiutata dai suoi genitori e si ritiene che l’amicizia di Carroll con i Liddell si interruppe improvvisamente lo stesso anno.

Stephen King ha paura del numero 13

Stephen King è lo scrittore horror contemporaneo più popolare e di successo negli Stati Uniti. Ha pubblicato oltre 260 titoli, venduti oltre 350 milioni di copie in tutto il mondo e continua a produrre circa un libro all’anno. Da Shining (1977), IT (1986) a Misery (1987), King si è costruito la reputazione di essere il padre dell’horror moderno, sia psicologico che soprannaturale. Molti credono che il suo gusto per l’orrido implichi che non King tema nulla nella vita di tutti i giorni. Ma, come egli stesso confessò nel 1984, in realtà c’è una cosa di cui ha mortalmente paura: il numero 13. Questo può causare sintomi fisici, come attacchi di panico, e colpisce fino al 10% della popolazione statunitense. Per il Re, questa fobia si manifesta in modi più inverosimili. Ad esempio, si rifiuta inoltre di terminare una lettura a pagina 94, 193, 382 e così via, perché le cifre singole all’interno di questi numeri sono complessivamente pari a 13. Nel 1984, King dichiarò che era particolarmente impaurito perché era sposato da 13 anni, aveva una figlia di 13 anni e aveva pubblicato 13 libri fino a quel giorno.

Arthur Conan Doyle credeva nelle fate

Arthur Conan Doyle rappresenta un pezzo di storia letteraria per la creazione del detective più famoso del mondo: Sherlock Holmes. Doyle era anche uno scrittore prolifico di fiction storica, un ottimista praticante e un grande credente nello spiritualismo vittoriano, vale a dire la credenza nel soprannaturale. Questo era un interesse raro ma non oltraggioso per l’epoca vittoriana. Nuove invenzioni come le telecamere, la tecnologia a raggi X e i fonografi hanno cambiato il modo in cui le persone hanno visto il mondo e hanno promosso discussioni su quali fenomeni esistenti non erano stati precedentemente compresi. Tuttavia, per Doyle, lo spiritualismo era più che un interesse passeggero. Presto è diventato un’ossessione e, alla fine, una causa di umiliazione. L’interesse di Doyle per lo spiritualismo è iniziato dopo che il figlio Kingsley e suo fratello Innes sono morti di influenza  tornati a casa dalla prima guerra mondiale. Nel tentativo di contattarli, Doyle ha iniziato a partecipare alle sedute. Ha incontrato Harry Houdini, che ha aumentato l’interesse di Doyle per il soprannaturale, credendo che Houdini fosse veramente psichico. Nel 1917 Elsie Wright e Frances Griffiths, di 16 e 9 anni, hanno scattato una serie di fotografie che mostravano le due ragazze con un gruppo di fate danzanti nei boschi vicino la loro casa a Cottingley, in Inghilterra. Le immagini sono venute all’attenzione di Doyle nel 1920. A quel tempo, stava scrivendo circa l’esistenza delle fate nel libro “La venuta delle fate”, che sarebbe stato poi pubblicato nel 1922.  Doyle, credeva nella veridicità di quelle fotografie, portando avanti dei veri e propri studi legati al mondo spirituale. Molte persone hanno ritenuto che il credere alle fate da parte di Doyle fosse la prova che l’autore stava impazzendo, la stessa Elsie confessò nel 1983 che le immagini erano false. Fine modulo

LEGGI ANCHE: 7 curiosità da non perdere sui grandi autori della letteratura

10 scioccanti curiosità legate ad importanti autori (parte 2) ultima modifica: 2017-08-22T09:25:48+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags