Cresciamo

Istruzione, Italia “povera” di laureati ed investimenti

Italia “povera” di laureati ed investimenti in istruzione

Nella classifica dei 34 Paesi più industrializzati del mondo, l’Italia è ultima per numero di giovani laureati e quartultima per soldi investiti nell’università. …

MILANO – In Italia poco più di un giovane su 3 (42%) decide di iscriversi all’università dopo il diploma, e si investe in istruzione solo lo 0,9% del Pil del Paese. Sono questi i numeri su cui riflettere emersi dal Rapporto Ocse “Education at a glance”, presentato nella sede del ministero dell’Istruzione. Lo studio conferma, purtroppo, lo scarso appeal degli atenei italiani per gli stranieri e le basse remunerazioni degli insegnanti.

I LAUREATI ITALIANI – Una quota, quella dei giovani iscritti all’università, ben più bassa rispetto all’insieme dei Paesi Ocse (media del 67%). L’Italia, insieme alla Repubblica Ceca, sono i soli Paesi dell’Ocse dove il tasso di occupazione tra 25 e 34 anni è il più basso tra i laureati rispetto ai diplomati. Da notare positivamente, secondo i dati, la diminuzione del divario di genere nel tasso dei laureati: le donne costituiscono il 59% dei nuovi laureati. Resta però il gap sul fronte della docenza: sono solo il 37% dei professori universitari (media Ocse 41%).

INVESTIMENTI IN ISTRUZIONE E CORPO DOCENTI – Il finanziamento del settore d’istruzione terziario rappresentava in Italia nel 2012 lo 0,9% del Pil del Paese, la seconda quota più bassa tra i paesi Ocse dopo il Lussemburgo mentre Paesi come Canada, Cile, Corea, Danimarca, Finlandia, Stati Uniti, hanno dedicato quasi il 2%, o una quota superiore, del Pil all’istruzione terziaria.  Primato negativo anche per quanto riguarda il corpo docente, più anziano rispetto a quello di qualsiasi altro paese Ocse: nel 2013 il 57% di tutti gli insegnanti della scuola primaria, il 73% degli insegnanti della scuola Superiore e il 51% dei docenti dell’istruzione terziaria avevano compiuto 50 anni o li avevano superati.

Istruzione, Italia “povera” di laureati ed investimenti ultima modifica: 2015-11-26T09:27:57+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags