Arte

Van Gogh Museum, la collezione di stampe da consultare on-line

Van Gogh Museum, la collezione di stampe da consultare on-line

Circa 1.800 stampe, tra manifesti e libri che non può essere esposta sarà resa accessibile sul sito del museo …

MILANO. Il mondo della stampa parigina può essere scoperto on-line. Grazie al Van Gogh Museum una collezione di circa 1.800 stampe, manifesti e libri che non può essere esposta sarà resa accessibile on-line.

UN SITO PER SCOPRIRE I TESORI – Il nuovo sito rende il mondo della stampa parigina complesso e affascinante ma assolutamente accessibile al pubblico. I visitatori possono ora sfogliare la raccolta a loro piacimento, esplorando i vari collegamenti e le connessioni che il sito ha da offrire. Questo design unico permette ai visitatori di decidere autonomamente la quantità di informazioni che vogliono assorbire. Tutte le stampe sono ora disponibili ad alta risoluzione e possono essere ingrandite fino a le stesse fibre della carta su cui sono stampati. La collezione di stampa on-line, sviluppata dalla pluripremiata agenzia web Fabrique e Q42, si rivolge a numerosi gruppi di destinatari. Grazie all’offerta più livelli di informazioni, il sito servirà le esigenze di una vasta gamma di soggetti, dai giovani utenti, visivamente orientati agli accademici seri. Lo sviluppo del sito mondo della stampa parigina è stato generosamente sostenuto finanziariamente dalla Fondazione Vincent van Gogh e Fonds 21.

LA COLLEZIONE – La collezione di stampa on-line realizza un sogno a lungo accarezzato dal Van Gogh Museum: creare una raccolta di stampa unica a disposizione del pubblico in generale senza limitazioni nel tempo e nello spazio. Il sito è costantemente accessibile, mostra l’intera collezione e viene continuamente integrato da nuove acquisizioni. Per quanto riguarda le sue collezioni, il Museo Van Gogh sperimenta tipologie innovative di accesso digitale e della conoscenza condivisa. Il mondo della stampa parigina è un perfetto esempio del nostro uso di queste nuove possibilità tecnologiche; nella collezione online, dati di ricerca accademici sono presentati in maniera dinamica e integrata. Cliccando su una delle immagini accanto a una stampa, ad esempio, una nuova finestra si apre mostrando un nuovo oggetto della collezione, evidenziando automaticamente le connessioni più importanti. Presentando i temi generali e le connessioni della collezione tramite concisi, testi informativi, piuttosto che spiegare le singole opere d’arte, il sito offre un nuovo tipo di pubblicazione digitale che può essere continuamente rivisto e integrato. L’accesso on-line a questa raccolta di stampa rivela ed elabora sulle connessioni artistiche e storiche innumerevoli utilizzando i tag interattivi e collegamenti ipertestuali.

LE OPERE – Ogni stampa viene fornita di una bibliografia. In questo modo, il sito offre diversi livelli di informazioni, dai grandi temi culturali della fin de siècle e un sondaggio rappresentativo di incisione ottocentesca, a informazioni altamente dettagliate su ogni singola stampa. La Fondazione ha acquistato per il museo una collezione privata di stampe dal fin de siècle in Francia (che consiste di 786 stampe e 18 libri d’artista), uno delle più imponenti collezioni internazionali della stampa d’arte. Van Gogh e il fratello Theo hanno seguito questi sviluppi e hanno iniziato la raccolta di stampe dei loro contemporanei insieme. Grazie a questa collezione, si può ora caricare la traiettoria da predecessori di Van Gogh ai suoi amici e contemporanei e, in seguito, ad artisti che sono stati, a loro volta, influenzati da loro. La collezione è in continua crescita – di recente il museo ha acquisito la serie di stampe Intimités di Félix Vallotton, così come un certo numero di stampe e manifesti importanti di Henri de Toulouse-Lautrec.

LA RIVOLUZIONE NELLA STAMPA DURANTE LA FIN DE SIÈCLE – In Francia, fino alla metà del XIX secolo, l’arte dell’incisione era stata utilizzata principalmente per riprodurre opere d’arte esistenti in stampa, come dipinti e sculture, in modo che possano essere disponibili per un ampio pubblico. Dalle riproduzioni fedeli siamo passati a stampe considerate come opere d’arte a sé stanti. Mentre le edizioni erano stati precedentemente determinati dalle richieste del mercato e la condizione delle piastre, una limited edition ora è diventata una scelta deliberata per rendere le stampe più rare e quindi più preziose. Questo sviluppo è aumentato durante la fin de siècle (1890-1905) quando una nuova generazione di artisti ha assunto l’arte di incisione come mezzo moderno. Anche se questi sviluppi hanno guadagnato slancio dopo la morte di Van Gogh nel 1890, la rivoluzione del mondo dell’incisione non può essere considerata in modo isolato dai suoi contemporanei e la generazione di artisti che ne seguì.

 

Van Gogh Museum, la collezione di stampe da consultare on-line ultima modifica: 2016-02-04T10:06:50+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags