Arte

Sting torna in Italia per uno spettacolo sulla Cappella Sisitina

Sting torna in Italia per uno spettacolo sulla Cappella Sisitina

A Roma dal 15 marzo uno show sulla Cappella Sistina che vede la partecipazione straordinaria di Sting, autore del tema principale dello spettacolo…

MILANO – Sting torna in Italia? Il 15 marzo debutterà a Roma il live show “Giudizio universale. Michelangelo and the secrets of the Sistine Chapel”:  un evento unico che vedrà la partecipazione di grandi nomi come Pierfrancesco Favino, che darà la voce a Michelangelo, e Sting che sarà l’autore del tema principale dello show. Lo spettacolo durerà 60 minuti e metterà in scena la nascita dell’Opera di Michelangelo, mettendone in luce tutti i diversi passaggi.

 

Il cast creativo

La regia di questo spettacolo totalmente innovativo – capace di unire arte, performance teatrale, musica e le tecnologie più avanzate – è di Marco Balich direttore artistico e produttore di Cerimonie Olimpiche, da Torino 2006 a Rio 2016.  La co-regia di “Giudizio Universale” è di Lulu Helbek, già direttore creativo di importanti produzioni Balich Worldwide Shows e la supervisione teatrale è stata affidata a Gabriele Vacis, figura di riferimento nel panorama artistico europeo.

 

Le musiche

Il  tema  musicale originale è composto da Sting e la voce di Michelangelo sarà di Pierfrancesco Favino (due David di Donatello, tre Nastri d’Argento, due Ciak d’Oro), il cui talento ha da tempo superato i confini nazionali.Al tema originale composto da Sting si aggiungeranno le musiche di John Metcalfe, celebrità della scena pop-rock contemporanea e arrangiatore e produttore di artisti come U2, Morrissey, Blur e Coldplay.

 

La scenografia

Le scenografie dello spettacolo non si limiteranno a riprodurre la Cappella Sistina ma porteranno davanti agli occhi del pubblico scene differenti ispirate dalle prospettive originali del Cinquecento, e saranno create da Stufish Entertainmnet Architects, già responsabile delle scenografie di Rolling Stones, U2 e Madonna.

 

Lo spettacolo

Concepito per la lunga tenitura, “Giudizio Universale” mira a essere un appuntamento importante per gli amanti dell’arte e un must-see per i milioni di visitatori italiani e internazionali che ogni anno scelgono Roma come meta del loro viaggio nel Paese della bellezza. Protagonista assoluta dello show è la Cappella Sistina. Uno dei luoghi più incredibili della storia dell’arte mondiale è al centro di uno spettacolo che nasce dalla contaminazione di tante e diverse forme artistiche: da un lato l’azione fisica della performance teatrale incontra la magia immateriale degli effetti speciali, dall’altro la tecnologia più avanzata si mette al servizio di un racconto per parole e immagini mai visto prima. L’immersività di proiezioni a 270° porta lo spettatore al centro stesso dell’evento. Lo spettacolo avrà una durata di 60 minuti. Gli spettatori assisteranno al racconto della nascita del capolavoro michelangiolesco, dalla commissione da parte di Giulio II degli affreschi della volta fino alla realizzazione del Giudizio Universale, attraverso una rievocazione della Cappella Sistina anche come luogo dell’elezione pontificia. Attraverso il racconto del Buonarroti animeremo gli affreschi che compongono la Cappella Sistina fino al meraviglioso Giudizio Universale che prenderà vita in tutto lo spazio attorno al pubblico. “Giudizio Universale. Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel” è la prima produzione di Artainment. La società, parte di Worldwide Shows Corporation (wscorp.com), è nata per dare vita ad un nuovo genere di intrattenimento: performance dal vivo in cui i codici emozionali dello spettacolo e i linguaggi visivi contemporanei incontrano l’arte.

 

Sting torna in Italia per uno spettacolo sulla Cappella Sisitina ultima modifica: 2018-03-13T11:15:50+00:00 da Salvatore Galeone

© Riproduzione Riservata
Tags