Curiosiamo

Sei situazioni che solo chi è cresciuto in mezzo ai libri può capire

27102014152429_sm_9500

Libri, libri e ancora libri. Se anche voi avete iniziato a divorare libri dal momento in cui avete imparato a leggere, allora questo articolo sicuramente vi strapperà un sorriso. Ci sono cose, secondo Bustle, che solo chi è cresciuto in mezzo ai libri e frequentato principalmente librerie……

Quante volte avete avuto la sensazione di sentirvi un po’ fuori dal mondo proprio a causa della vostra irrefrenabile passione per la lettura? E’ veramente colpa dei libri se vi sentite un po’ diversi?

MILANO – Libri, libri e ancora libri. Se anche voi avete iniziato a divorare libri dal momento in cui avete imparato a leggere, allora questo articolo sicuramente vi strapperà un sorriso. Ci sono cose, secondo Bustle, che solo chi è cresciuto in mezzo ai libri e frequentato principalmente librerie, può capire. Voi vi sentite parte di questa categoria? Ecco le sette cose che solo i veri appassionati di libri possono comprendere.

Non ci sono scuse per annoiarsi – Vedere un bambino annoiato non è poi così strano. Soprattutto in un’epoca in cui i più piccoli hanno a disposizione ogni cosa. Ma una volta, sicuramente ve lo ricordate, non era affatto così, anzi. Come impiegare il tempo soprattutto quando fuori fa troppo freddo per uscire a giocare? Semplice, leggendo libri, romanzi, storie avventurose. Impossibile annoiarsi: quante domande hanno stimolato nella vostra mente quei libri?

Il cielo è il limite quando si tratta di pensare e fare – Ovvero, la vostra immaginazione non aveva nessun limite. Astronauti, scienziati, principi e principesse, guerrieri, mondi incantati, mari infiniti….quanti mondi avete scoperto grazie ai libri che avete letto? Tantissimi e, probabilmente, quando eravate piccoli vi siete immedesimati in uno di questi personaggi. Ok, magari oggi siete dietro una scrivania e non a combattere per difendere il vostro regno, ma nessuno vi toglierà mai quei viaggi fantasiosi che ancora oggi fate ogni volta che aprite un libro.

L’organizzazione zen in una vita caotica – Ok, probabilmente siete le persone più disordinate del mondo. Provate a dare un occhio alla vostra scrivania? Ci sono cose ovunque, bene. Ora guardate la vostra libreria: i vostri libri, sicuramente, saranno disposti in maniera molto ordinata e con un codice che solo voi potete capire (per autori preferiti, per ordine di acquisto, per colore di copertina, per ordine alfabetico). Niente vi calma di più che avere una libreria ordinata.

Certe volte per dire qualcosa basta un sussurro – Provate a mettere 10 bambini insieme in una stanza e poi provate a sussurrare qualcosa. Non vi sentirà nessuno, ovviamente. Solo chi è nato in mezzo ai libri e ha frequentato librerie e biblioteche sa quante cose si possono dire anche senza urlare: un sussurro è più che sufficiente. Chi ama i libri, si sa, ama una vita fatta di sussurri.

Tutti grandi osservatori – Se mentre tutti gli altri bambini della vostra età venivano continuamente distratti da milioni di cose, voi siete cresciuti con un grande spirito di osservazione grazie ai libri e alla vita in libreria. Quanto era bello stare seduto lì, in silenzio, ad osservare la gente che entrava? E quante cose si imparavano mentre si seguiva con lo sguardo la scelta di un libro di un’altra persona.

Quando la conoscenza è libera, fa bene a tutti – Ma soprattutto, quando è condivisa rende tutti più felici. Ecco perché chi è cresciuto tra i libri e le librerie può capire quanto sia bello poter condividere le gioie di un libro, o le avventure. Vi ricordate, per esempio, quando andavate in biblioteca e vi dicevano che quel libro che vi piaceva tanto ve lo potevate portare a casa? Ricordate quanto eravate felici in quel momento?

 

28 ottobre 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sei situazioni che solo chi è cresciuto in mezzo ai libri può capire ultima modifica: 2014-10-28T00:00:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags