Creiamo

Dario Fo, ”Nel mio primo romanzo voglio riabilitare l’immagine di Lucrezia Borgia”

28032014112547_sm_6978

In occasione della presentazione del miart 2014 abbiamo intervistato il premio Nobel Dario Fo, presente alla fiera presso lo stand di DIE GALERIE con i suoi stupendi capolavori pittorici……

Il primo romanzo del Premio Nobel Dario Fo, ”La figlia del Papa”, uscirà nelle librerie il 10 aprile. Noi di Libreriamo lo abbiamo intervistato all’apertura del miart dove ci ha raccontato del nuovo libro, della sua passione per l’arte e dei suoi progetti

MILANO – In occasione della presentazione del miart 2014 abbiamo intervistato il premio Nobel Dario Fo, presente alla fiera presso lo stand di DIE GALERIE con i suoi stupendi capolavori pittorici. Alla Fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea ci ha parlato della sua passione per l’arte e del suo primo romanzo dedicato alla controversa figura di Lucrezia Borgia, che sarà nelle librerie dal 10 aprile nella nuova collana ‘Narrazioni’ di Chiarelettere.

AMORE PER L’ARTE – Prima di essere attore, Dario Fo, è un pittore. Ci racconta dei suoi studi all’Accademia delle belle arti di Brera, e della sua passione per la pittura che non ha mai abbandonato, neanche dopo l’incontro con la compagna di una vita Franca Rame e il teatro. ‘Durante gli spettacoli, durante le tournée teatrali non ho mai smesso di dipingere. Ho sempre realizzato tutte le scenografie dei miei spettacoli, mentre i costumi li realizzavo insieme alla sorella di Franca, Pia” ci racconta il premio Nobel.

LUCREZIA BORGIA – La figura di Lucrezia Borgia ha assunto diverse sfumature nel corso della storia. Per una certa storiografia, soprattutto ottocentesca, i Borgia hanno finito per incarnare il simbolo della spietata politica machiavellica e la corruzione sessuale attribuita ai papi rinascimentali. La stessa reputazione di Lucrezia si offuscò in seguito all’accusa di incesto, rivolta da Giovanni Sforza alla famiglia della moglie,  a cui si aggiunse in seguito la fama di avvelenatrice, l’amore segreto per Pietro Bembo, i tre matrimoni e un figlio illegittimo: tutto questo fece sì che la figura di Lucrezia venne associata a quella di femme fatale partecipe dei crimini commessi dalla propria famiglia. Tutto in 39 anni e in pieno Rinascimento, la vita di Lucrezia Borgia è stata narrata da scrittori, filosofi e storici, recentemente le sono state dedicate anche delle serie televisive di successo in Italia e all’estero.

LA FIGLIA DEL PAPA – “Ho scritto questo libro per smontare una falsa memoria che è stata costruita attorno alla figura di questa grande donna” continua Dario Fo “E’ la riabilitazione dell’immagine di Lucrezia Borgia, una donna che si è opposta alla manipolazione e al ricatto. Specialmente negli ultimi anni di vita dove si dedicò tantissimo alle persone più bisognose, fondando il Monte di Pietà di Ferrara. Questa banca dei poveri che prestava denaro senza garanzia perché credeva nel rispetto del gesto che si era fatto.”  

TANTI NUOVI PROGETTI – Il libro è accompagnato da illustrazioni di Fo, sua opera anche quella di copertina. ‘Le immagini nel libro sono circa una trentina ma in tutto sono 120 e vorrei raccoglierle in un altro libro, poi penserò allo spettacolo, e mi piacerebbe anche realizzare una mostra su Lucrezia Borgia, magari tra Roma e Ferrara, luoghi principali dove si svolse la sua vita’ afferma il premio Nobel.

28 marzo 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Fo, ”Nel mio primo romanzo voglio riabilitare l’immagine di Lucrezia Borgia” ultima modifica: 2014-03-28T00:00:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags