Curiosiamo

Al via oggi MIA Fair, la più importante fiera di fotografia in Italia

1005201393339_sm_3989

Dopo il grande successo di pubblico – più di 20 mila visitatori – dell’edizione 2012, da oggi fino al 12 maggio 2013 al Superstudio Più di Milano (via Tortona 27) torna MIA – Milan Image Art Fair, la prima e più importante fiera di fotografia in Italia ideata e diretta da Fabio Castelli……

 Da oggi fino al 12 maggio il Superstudio Più di Milano ospiterà 230 gli espositori, tra gellerie, fotografi indipendenti ed editoria specializzata 
 
MILANO – Dopo il grande successo di pubblico – più di 20 mila visitatori – dell’edizione 2012, da oggi fino al 12 maggio 2013 al Superstudio Più di Milano (via Tortona 27) torna MIA – Milan Image Art Fair, la prima e più importante fiera di fotografia in Italia ideata e diretta da Fabio Castelli. MIA, arrivata alla terza edizione, accoglie il meglio della fotografia italiana e internazionale, attraverso un format unico nel panorama fieristico italiano, proponendo uno stand per ogni artista e ad ogni artista il suo catalogo. In questo 2013, 230 sono gli espositori – gallerie, fotografi indipendenti, editoria specializzata – che vengono non solo dall’Italia, ma anche dall’Europa, dagli USA, dal Brasile e dall’Asia.
L’APPUNTAMENTO DEL 2014 A SINGAPORE – Numerose sono le novità di questa edizione. A questo proposito, il direttore Fabio Castelli ha voluto aprire la conferenza stampa di presentazione dell’evento con un importante annuncio: “Il prossimo anno raddoppieremo il nostro appuntamento, diventando internazionali. A maggio MIA Fair tornerà a Milano, mentre dal 23 al 26 ottobre 2014 sarà a Singapore. Dopo aver fatto un lungo giro dai Paesi arabi a Miami e al Sudamerica, abbiamo infatti individuato in Singapore il posto più interessante. È vicino a molti Paesi in grandissimo sviluppo, come Taiwan, Corea, Vietnam, Thailandia, per arrivare all’India, dove c’è grandissimo fermento, e alla Nuova Zelanda e all’Australia, che sono più lontane ma gravitano attorno a quell’area geografica. A Singapore abbiamo trovato una struttura propositiva, e speriamo nell’aiuto da parte dei brand italiani in questo progetto di esportazione dell’arte italiana all’estero”. 
L’ANGOLO DEL COLLEZIONISTA – Ma le notizie non finiscono qui. “Questo 2013 è l’anno del collezionismo” – prosegue Castelli – “cui viene dedicata un’intera area, l’Angolo del Collezionista. Qui si possono trovare espositori specializzati in conservazione, valorizzazione, illuminazione e protezione delle opere, esperti nel restauro, professionisti della cornice e una compagnia di assicurazione per la copertura dei rischi di una collezione d’arte.”
I LAVORI A QUATTRO MANI – C’è poi una sezione in cui vengono presentati progetti a quattro mani firmati dall’artista e dallo stampatore. Sempre più infatti gli autori, sia che operino in modalità digitale sia che siano fedeli alla camera oscura, utilizzano i servizi offerti dagli stampatori esperti dell’una o dell’altra tecnica per produrre le proprie opere. “Il sodalizio tra il fotografo e il suo stampatore sta rinnovandosi sempre più e diventando più saldo: ricorda quello che a partire dal tardo Rinascimento fino al XIX secolo si era stabilito tra gli incisori e i loro stampatori, che difatti incidevano sulla lastra le due firme”, spiega Castelli.  
IL PORTFOLIO “CODICE MIA”– Un’altra novità sarà la lettura del portfolio “Codice MIA”, che consentirà a 45 fotografi scelti dal comitato scientifico di sottoporre i loro progetti ad alcuni dei massimi esperti di collezionismo, per ottenere da loro dei consigli. “Il confronto con gli esperti del mercato può essere utilissimo per gli artisti: abbiamo ritenuto importante dare ad autori già affermati questa possibilità”, commenta ancora il direttore di MIA. 
IL PREMIO ARCHIVIO “TEMPO RITROVATO” – E ancora, è stato istituito il nuovo Premio Archivio “Tempo ritrovato”. Il riconoscimento – ideato da IO Donna in collaborazione con MIA Fair, Eberhard & Co., Maison svizzera d’orologeria, e il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo – seleziona la più meritevole istituzione archivistica italiana dedicata alla fotografia. Quest’anno il premio è andato all’archivio di Federico Garolla di Napoli, che ha ottenuto un fondo di 8.000 euro vincolato alla catalogazione, digitalizzazione e conservazione delle proprie opere.
IL SETTORE EDITORIA – Per quanto riguarda il settore editoria, quest’anno MIA ospita 46 espositori tra librerie specializzate, grandi editori, editori indipendenti e self-publishers. Torna inoltre l’International Photobook Dummy Award, il riconoscimento che premia i migliori prototipi di libri fotografici pronti per la stampa.
I PROGETTI ONLUS – Castelli sottolinea anche la valenza sociale del MIA, con la presenza di due progetti ONLUS. Si tratta di quello del fotografo Stefano Guindani, sostenuto dal brand Rimmel, per la Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus, in particolare per sostenere il Reparto di Neonatologia dell’ospedale pediatrico NPH Saint Damien di Haiti; e del progetto “Mask”, realizzato da Gianluigi di Napoli per l’AIPI – Associazione Ipertensione Polmonare Italiana Onlus.
IL PREMIO BNL GRUPPO BNP PARIBAS A ERBA E BERNÉ – Durante la conferenza stampa è stato inoltre assegnato il premio BNL Gruppo BNP Paribas. Il riconoscimento è andato a un’opera a quattro mani, “Paesaggio #7” del fotografo Luigi Erba e dello stampatore Roberto Berné, che sarà acquistata dalla Banca.  
10 maggio 2013
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Al via oggi MIA Fair, la più importante fiera di fotografia in Italia ultima modifica: 2013-05-10T00:00:00+00:00 da

© Riproduzione Riservata
Tags